1 Perchè la salute dei nostri capelli è una cosa molto seria

La calvizie il più delle volte non è una vera e proprio malattia e non comporta alcun problema alla nostra salute. Perché allora è così importante avere i capelli? In tutte le società umane, la capigliatura è sempre stata simbolo di bellezza e salute, forza e virilità.

L’attrazione fisica e l’aspetto esteriore sono profondamente condizionati dalla salute dei nostri capelli. È per questo motivo che dopo la pubertà lo stato della capigliatura è un fatto stramaledettamente importante e serio, tant’è vero che il sommo poeta Dante Alighieri ce lo ricorda nel Canto XXVI dell’Ulisse (vv 34-36) citando un passo della Bibbia

E qual  colui che si vengiò con gli orsi               

Vide il carro d’Elia al dipartire  

Quando i cavalli al cielo erti levorsi   36

              

 Il profeta Eliseo (qual colui), schernito da un gruppo di ragazzi per la sua calvizie, invoca contro di essi la punizione divina, dal bosco sbucarono due orsi che ne sbranarono quarantadue (IV re II 23-24). A Dante per descrivere il profeta Eliseo basta un verso, una riga sola. Colui che si vendicò con gli orsi…

     

Leggi anche:

Otsi, l’uomo di Similaun e il Dna Mitocondriale

Vitamine B6, B3 e capelli

Melatonina e capelli

Mela Annurca e capelli

Serenoa repens e capelli

Cheratina e capelli

Vitamina B5 e capelli

   Con lo sviluppo e l’evoluzione delle civiltà dell’uomo anche i significati simbolici dei capelli si sono diversificati e differenziati di pari passo con l’evolvere della complessità della società odierna. Ma facciamo un  passo indietro nella storia, o meglio nella preistoria. Pensate che sia stata inventata prima la ruota o il pettine?

Prima un opera d’ingegno così importante per i trasporti umani e la tecnologia o un semplice utensile per mettersi in ordine la capigliatura

Beh probabilmente il pettine è stato inventato 15-20 mila anni prima della ruota cioè nel paleolitico superiore ai tempi in cui il Neanderteal aveva ormai già lasciato il posto all’homo sapiens sapiens, è in questo periodo che appaiono le prime incredibili Veneri del Paleolitico, sculture raffiguranti figure femminili scolpite con raffinata maestria , mentre bisognerà aspettare circa il 5 mila avanti Cristo per poter usufruire della ruota in Mesopotamia.

Le veneri del Paleolitico sono le più antiche raffigurazioni dell’essere umano e prova che già 30.000 anni fa il genere homo, (il robusto Neanderteal o il più raffinato sapiens sapiens) aveva già sviluppato il bisogno di produrre oggetti artistici non per utilità ma per soddisfare una prorompente esigenza estetica. La stessa esigenza estetica che accomuna noi sapiens nel 2020 dopo Cristo

Il  particolare più importante e  che accomuna tutte le veneri del paleolitico è la straordinaria rappresentazione della capigliatura che risulta l’elemento più curato e raffinato. Il più delle volte il volto non è rappresentato mentre i capelli sono scolpiti con dovizia di particolari e con estrema precisione, come ad esempio la venere di Willendorf dove i riccioli sono resi da questi nodi regolari, distanziati da piccoli fori tra l’uno e l’altro, creando un singolare effetto decorativo.

Venere di Willendorf

Da sempre la maggior parte dei popoli della terra ha dedicato una cura minuziosa e attenta della capigliatura diventando un aspetto così potente sul piano simbolico con vere e proprie differenziazioni sul piano sociale e culturale.

Nell’età antica spiccano per raffinatezza e complessità le acconciature della civiltà Minoica Cretese “(2000-1200 a.C.), culla del mondo occidentale. Gli egizi, fin dalla I dinastia (3100 av.), davano primaria importanza alla cura di sé e l’elaborazione complessa di raffinate acconciature supera il semplice gusto estetico per sottolineare invece un valore simbolico, sociale e religioso. una grandissima varietà di pitture, sculture e rilievi scandiscono le epoche storiche della plurimillenaria dinastia egiziana.

Nella antica Grecia la mitologia e i più sofisticati significati simbolici si arricchiscono in maniera e in forme così originali e complesse che influenzano ancora l’iconografia e l’immaginario dei giorni d’oggi.

Testa di Medusa, L.Bernini (Musei Capitolini)

Solo l’infinita bellezza dei capelli e delle forme di medusa, l’unica mortale delle tre gorgoni, avrebbe potuto far innamorare il grande Poseidone nel tempio di Atene.

La civiltà romana al pari di quella greca e egizia attribuisce alla cura dei capelli e al suo ornamento nuovi e complessi significati simbolici che caratterizzano il lungo periodo di dominazione romana del mondo conosciuto. La calvizie era considerata un nemico da sconfiggere e come vediamo anche nella società di oggi un segnale di debolezza, insuccesso  e vecchiaia sia nell’uomo che nella donna. L’utilizzo di parrucche realizzate con capelli veri provenienti dalle colonie era di uso comune nelle classi agiate e usata anche dagli uomini, serviva per nascondere la calvizie..continua

Tratto da “Le singolari differenze simboliche delle acconciature nella storia e nell’arte” Fabrizio Fantini leggi seconda parte

E’ vietata la riproduzione  anche parziale degli articoli di questo sito e delle foto senza l’autorizzazione dell’autore -Tutti i diritti sono riservati Fabrizio Fantini

Argomenti in evidenza

Oli essenziali e capelli
Ginseng e Ginseng rosso coreano
Carnitina e capelli
Resveratrolo e capelli
Tricopigmentazione e capelli
Melatonina e capelli
Chirurgia e capelli
Mela Annurca e capelli
Laser e capelli
Esperienza diretta in sala operatoria
Carenza di ferro

Le patologie dei capelli sono di sola pertinenza del medico e chi avesse un problema di questo tipo lo consulti prima di iniziare qualsiasi terapia. L’autore declina ogni responsabilità per eventuali conseguenze nocive derivanti dall’utilizzo di sostanze e farmaci elencate senza una indispensabile supervisione medica.

E’ vietata la riproduzione  anche parziale degli articoli di questo sito e delle foto senza l’autorizzazione dell’autore e della casa editrice- tutti i diritti sono riservati Fabrizio Fantini- Prevenire e contrastare la caduta dei capelli nuova edizione-Tecniche Nuove Edizioni©

Un libro sui capelli e sulla calvizie dedicato agli utenti. Una capacità; di scrittura invidiabile. Un linguaggio semplice e di estrema chiarezza Una accurata ricerca sul campo fra veri esperti e venditori di promesse. Il libro del dr. Fantini offre al lettore una bussola con cui orientarsi e dirigersi, per navigare in quel mare di incertezze che è la tricologia“.

Prof. Andrea Marliani Endocrinologo e Dermatologo

Direttore scientifico della Società Italiana di Tricologia

Prevenire e Contrastare la Caduta dei Capelli” 300 pagine a colori, Tecniche Nuove Edizioni Fabrizio Fantini

Scarica l’indice del libro Download

Acquista direttamente con il 15% di sconto